Home arrow Letti per voi arrow La Storia Vera di Adelmo Mariucci
mercoledý 19 febbraio 2020
Menu principale
Home
PianetaBicilindrico
Ultime Notizie
Le Interviste
Adventurous Biking
Provate per voi
Smart Shopping
Incontriamoci
Letti per voi
Collegamenti web
Blog
La voce dei Lettori
Cerca
La NewsLetter


Iscriviti per essere sempre informato sulle novitÓ di PianetaBicilindrico!




La Storia Vera di Adelmo Mariucci PDF Stampa E-mail
Scritto da Umberto Bartolozzi Mazzi   
domenica 09 dicembre 2007

La Storia Vera di Adelmo Mariucci: Viaggio introspettivo nella vita di un pilota
di Romolo Castracani  ed. Richmen

recensione a cura di Umberto Bartolozzi Mazzi

Adelmo, sin da bambino si sentiva attratto da una moto particolare: una Bellarini 350 monocilindrica. Diventato adulto, tramite l’intercessione di un vecchio corridore, riesce a farsi affidare un chiosco di bibite all’autodromo di Menario Landi. Apparizioni orribili, scene inquietanti, violenze inaudite sui meccanci dei box turbano l’attività di ristorazione. Addentratosi nel mondo delle corse giunge alla sede della federazione che si trova in uno stato di completo abbandono. Così parte alla ricerca del pilota che avrebbe dovuto riceverlo e di cui non si sa più nulla: Karl Marentson.

La foto di copertina

 

Questi è una figura carismatica, per certi versi ipnotica e magica. Quando Adelmo arriva nella nuova stazione di servizio si scontra con gli abitanti locali che ritengono Karl una specie di divinità. Infatti impediscono a chiunque di portarlo via e lo stesso Karl non desidera ritornare al mondo delle corse. Adelmo riesce però a trascinarlo sul pulman e ad allontanarsi.

La storia di Adelmo è un viaggio nel mistero; è la storia di una assurda ossessione. Karl è inquietante; Karl entra nel mondo delle pompe di benzina per non uscirne mai più. Il suo vivere rintanato nella stazione di servizio e il suo voler essere un idolo per gli abitanti locali, sono tutte caratteristiche che lasciano un terribile senso di angoscia. Rappresenta l’uomo che per forza e intelligenza sconfina oltre l’umano per diventare benzinaio per sempre.
La lettura de La Storia Vera di Adelmo Mariucci trasmette disagio. Non si può non uscirne turbati. La gente comune e cosiddetta “normale” può riflettersi in Adelmo. E lui rappresenta desiderio di libertà, incoscienza, ma soprattutto indifferenza o forse inerzia grazie alla quale si fa scivolare addosso gli orrori del mondo delle motociclette.

Ho trovato questo racconto difficile, nonostante la brevità e non è riuscito a coinvolgermi fino in fondo. A tratti indecifrabile. Probabilmente la forza di Castracani sta proprio in questa caratteristica.
U.B.M.


 
Advertisement
Design by Pianetabicilindrico | Powered by joomla |